Sentieri e itinerari Valsesia - CAI


< torna indietro

 251 - 51 
Rassa - Colle del Loo


Da Rassa lungo tutta la Val Sorba al Colle del Loo



Comune: Rassa



Codice catasto: 251


Partenza: Rassa, a metri 917
Arrivo: Colle del Loo a metri 2452


Tempo di percorrenza: 4 ore e 40 minuti
Dislivello: 1535 metri


Sentiero Rassa - Colle del Loo


╚ l'itinerario principale della Val Sorba che percorre tutto il suo fondovalle; tocca le frazioni, gli alpeggi e i diversi affioramenti minerari che si trovano nelle vicinanze del torrente Sorba. Il panorama che si ammira dal Colle del Loo Ŕ molto vasto, sia sul versante valsesiano, sia su quello valdostano. ╚ la via che collega Rassa con la Valle d'Aosta e la valle del Cervo

Dal parcheggio di Rassa, posto sul fianco del paese al di lÓ del torrente, si segue la strada carrozzabile ripidissima a sinistra (traffico limitato in alcuni periodi) per poi imboccare la bella mulattiera nei pressi dell'Alpe Crosetti alla Cottura m 1055. Si lascia la strada sterrata che continua in alto, e quasi in piano, in pochi minuti, si raggiunge l'Alpe Campello m 1093 (ore 0,25) dove Ŕ situato l'accogliente posto di ristoro "Heidi". A destra inizia l'itinerario 251a (51a) per la Colma del GiurÓ; proseguendo invece sempre su mulattiera pianeggiante si raggiunge l'ampia Alpe Sorba m 1151 (ore 0,10-0,35) e poi il Ponte di Prabella m 1180 (ore 0,10-0,45) al bivio con il sentiero 251b (51b) per l'Alpe di Sorbella. Senza attraversare il ponte, ma proseguendo in leggera salita, si passa alla Cascina Antaiua m 1220. Poco oltre si pu˛ ancora vedere un antico forno da calce e in seguito una bella cascata del Torrente Sorba, la "Gula Talheintha". Si attraversa la sterrata e si giunge poco dopo al pascolo dell'Alpe Dosso m 1395 (ore 0,30-1,15). L'itinerario 51c per il Vallone dell'Artorto che si dipartiva a destra Ŕ stato eliminato per il pericolo di caduta sassi dalla frana soprastante e sostituito da un altro con partenza pi¨ avanti dall'Alpe Massucco. Oltrepassati il Rio Artorto e una sorgente, in leggera salita, si perviene alla baita dell'Alpe Massucco m 1528 (ore 0,15-1,30), appartata a fianco del dosso che caratterizza il luogo, sulla destra del quale si stacca il nuovo itinerario 251c (51c) per il Vallone dell'Artorto. A nord-est si possono vedere gli ampi affioramenti della cava di marmo; sulla sinistra, oltre il pascolo, una lapide ricorda la fucilazione di un partigiano. La mulattiera, prima pianeggiante, poi leggermente in salita, con qualche tornante porta all'Alpe Toso m 1649 (ore 0,30-2), Punto di Appoggio C.A.I. Varallo Sesia, posto nell'unica grande casera dell'alpeggio abbandonato. Il rifugio, sempre aperto e incustodito, serve per dimezzare i tempi di avvicinamento necessari per raggiungere le mete circostanti. Verso sinistra si diparte l'itinerario 253 (53) che porta alla Bocchetta del Croso. II nostro tracciato segue sempre la sinistra orografica fra il greto del torrente Sorba e il fianco della montagna fino al termine dell'esteso pianoro dove inizia la salita con larghi tornanti. Lungo il pendio si incontrano delle pietre di colore grigio-scuro contenenti corindone amorfo, minerale usato per le mole, ed infatti la zona Ŕ conosciuta come la MolÚra. Poco prima dell'Alpe Lamaccia m 1896 (ore 1-3) si guada il torrente Sorba. Sulla sinistra della conca si trova il Lago della Lamaccia e nei pressi si stacca l'itinerario 254 (54) per la Bocchetta della Ronda. II sentiero risale il dosso roccioso posto sulla destra e dopo aver superato una buona sorgente, si inerpica con brevi tornanti su estesi detriti di falda, al cui termine si pu˛ osservare un tentativo di scavo per l'estrazione dei minerale di ferro (magnetite) con un cartello indicatore. L'imbocco della galleria Ŕ ostruito da una frana e sulla roccia antistante si distinguono delle iscrizioni risalenti al 1500-1700. Tra i detriti Ŕ visibile una ruota di pietra (gneiss ghiandare) e un'altra appena sbozzata. Il sentiero valica il rio Nero, emissario dei Laghi dei Tre Vescovi o della Sorba, piega sulla destra e raggiunge l'ampia piana erbosa dell'Alpe del Prato m 2198 (ore 1-4). II bacino di origine glaciale ha probabilmente contenuto un lago ed Ŕ ancora attraversato dal lungo canale d'acqua, il T. Sorba, che incide il ripiano con numerosi meandri e ha origine poco pi¨ a monte, alle pendici del Colle del Loo. Sono presenti nell'alpeggio tre costruzioni diroccate e due ancora utilizzabili. Nei pressi si pu˛ vedere un lastrone di roccia su cui si distinguono delle antiche iscrizioni in latino datate Agosto 1751, con nome e cognome di chi le ha eseguite. Dalla piana si dipartono alcuni itinerari: il 251c (51c) per il vallone dell'Artorto e il 269 (69) per la Bocchetta di Niel, poco oltre il 265 (65) per il Passo della Gronda. Quello per il Colle del Loo prosegue tra grossi massi e coni detritici, a zig-zag nell'ampio vallone, raggiungendo il valico a m 2452 (ore 0,30-4,30) fra la Punta Lozoney m 2579 e la Cima Morticci o Cossarello m 2710.
Dal colle il sentiero scende il versante opposto e attraverso la Valle di Loo raggiunge Loomatten e quindi Gressoney St. Jean nella valle del Lys. Poco sotto il colle l'ampia conca superiore dei Piani di Loo permette il collegamento con i percorsi verso Nord al Passo del Maccagno (per Riva Valdobbia) e verso Sud al Colle di Lozoney e quindi alla Mologna Grande (per Piedicavallo). Sempre dal Colle si pu˛ salire su pietraia e rocce la Punta Lozoney m 2579.


Note:

Il sentiero Ŕ stato riattato e segnalato recentemente (2012).
La segnaletica presente sui sentieri mantiene in parte i vecchi numeri (es. 51) non ancora aggiornati secondo il recente Catasto regionale che prevede numeri con tre cifre (es. 251, ecc).


Consigli tecnici:


Percorso agevole fino al Punto di Appoggio C.A.I. all'Alpe Toso; impegnativo, ma unicamente per la lunghezza, fino al Colle di Loo.


Pubblicazioni:


Carta escursionistica VALSESIA CAI Varallo-Geo4map - quadro Sud-Ovest.
Guida degli itinerari escursionistici della Valsesia - Vol. 2░-Foglio 4.
IGC Carta 10 Ivrea Biella e dintorni.
IGC foglio Issime 29 II SE, foglio Campertogno 30 III NO, foglio Piedicavallo 30 III SO.
Guida dei Monti d'Italia CAI-TCI - Alpi Biellesi e Valsesiane.


Link: http://www.caivarallo.it/rifugi_cai_varallo/punto_appoggio_alpe_toso.php
il collegamento si apre in una nuova finestra

Ulteriori dettagli del Punto d' Appoggio all' Alpe Toso


Traccia GPS: sentiero_251_251.zip
clicca per scaricare il file, formato standard GPX per navigatori GPS


Traccia KMZ: sentiero_251_251.kmz
clicca per scaricare il file, formato KMZ



Tipologia: Escursionistico
Categoria: Prati, pascoli, tratti boschivi
DifficoltÓ: E - Escursionisti
Periodo consigliato: Primavera-Estate-Autunno

Incrocia il sentiero: 251A - 51A - Colma del GiurÓ visualizza
Incrocia il sentiero: 251B-51b - Ponte di Prabella - Alpe Sorbella visualizza
Incrocia il sentiero: 251C - 51C - Vallone dell'Artorto visualizza
Incrocia il sentiero: 253 - 53 - Bocchetta del Croso visualizza
Incrocia il sentiero: 54 non segnalato - Alpe Lamaccia - Bocchetta della Ronda /*** visualizza
Incrocia il sentiero: 265 - 65 - Lago della Seia - Alpe del Prato attraverso il Passo della Gronda visualizza

Altri incroci e collegamenti:


Sentiero 69 per bocchetta di Niel e raccordo GTA# I sentieri nei collegamenti segnalati con uno o pi¨ # non sono ancora disponibili.


Ultimo rilievo sentiero effettuato il: 18-09-2012

< torna indietro
< torna alla pagina sentieri

> scegli una ZONA
> visualizza TUTTI i sentieri inseriti nel sito

Attenzione: Leggi le note e condizioni d'uso per i sentieri online. Verificate sempre l'apertura dei rifugi indicati sul tragitto e le condizioni meteorologiche.

Vai alle pagine >>


CAI