Sentieri e itinerari Valsesia - CAI


< torna indietro

 715 
Castello di Gavala (da Sud Est).


Isolella - Foresto - Rif. Gilodi (Ca'Meia) - Sella della Rosetta - Monte Luvot - Castello di Gavala



Comune: Borgosesia



Codice catasto: 715


Partenza: Isolella , a metri 371
Arrivo: Castello di Gavala a metri 1827



Stato del sentiero: Percorribile regolarmente
Tempo di percorrenza: 5 ore
Dislivello: 1456 metri


Sentiero Castello di Gavala (da Sud Est).


L'itinerario tocca le più alte cime del comune di Borgosesia, seguendo nella parte alta la cresta spartiacque tra la valle del Sesia e quella dello Strona di Postua. Nella parte bassa è uno dei percorsi più frequentati perché porta al rifugio Gilodi (Ca' Meja), in seguito è abbastanza impegnativo, anche se vario e interessante per i continui scorci sui due versanti.

Da Isolella m 371 si segue la strada comunale di Foresto fino al primo tornante nei pressi della scuola. Si prende la larga mulattiera che sale a destra per un buon tratto, si attraversa la carrozzabile nei pressi di un ponticello e si continua riattraversandola altre due volte. Superato un oratorio, si giunge a Foresto m 551, nei pressi del cimitero e della Parrocchiale dedicata a San Giovanni. Si entra in paese incrociando l'itinenario n 716 (Doccio-Foresto-Tovo) e l'itinerario n 724 (Crevola-Locarno-Fei-Foresto-Agnona-Guardabosone-Maddalene). Seguendo le indicazioni ci si alza sopra il paese raggiungendo un vecchio castagneto sovrastante la frazione Costa, su di una mulattiera in cattive condizioni che a tratti scorre incassata in trincea, a tratti affiancata da staccionate e da residui di siepi di bosso. Lasciando a sinistra due cascine, in un bel bosco di secolari castagni, si raggiunge la strada interpoderale del monte Tovo. Evitando di seguirla, la si attraversa comunque più volte e si continua su mulattiera-tagliafuoco che porta comodamente alla fontana degli Alpini. Si prende a salire più faticosamente fino alla spalla della pineta nei pressi dell'Alpe Bonde m 945. Dopo questo modesto ripiano si prosegue lungo i ripidi tornanti del sentiero nel rado bosco di faggi, abeti e betulle, fino a raggiungere l'Alpe Stanvone m 1092. Senza toccare l'alpe si segue la sterrata, poi, superata la fontana, per sentiero, a sinistra, si sale in breve al Rifugio L.Gilodi (Cà Meja) m 1110, punto d'arrivo dell'itinerario n 720 da Agnona. Dal retro del Rifugio si sale a valicare la sterrata, si fiancheggia una zona umida e ci si volge decisamente a destra per alzarsi a serpentine nel rado bosco di faggi e sbucare su una spalla del dosso Falghé, nel punto di incrocio del sentiero che da Doccio sale al monte Tovo (itinerario n 713). Si segue a destra la sterrata che con leggeri saliscendi porta alla Sella della Rosetta m 1245. Da qui, tralasciando le altre sterrate che si dipartono in varie direzioni, si superano due gibbosità della cresta e si giunge in breve ad un ripiano erboso, il Soglio, punto d'arrivo dell'itinerario n 712 proveniente da Doccio. Poco dopo c'è il bivio per il Mazzucco (sasso forato). Sul versante di Doccio si sale un ripido canale franoso che porta in cresta; si passa poi sul versante di Postua (sinistra), superando una cengia sotto una parete (Balmaccia); poco oltre, a sinistra, un sentiero scende al Passo della Sbarra, antico passaggio in parete, esposto, attualmente attrezzato con catene (itinerario n 726). Si raggiunge la cresta alla sella del Casone; ci si porta sul versante di Doccio e si risale un canale fin sotto l'anticima (qui giunge l'itinerario n 711 da San Bernardo di Doccio). Si aggira l'anticima con un ripido traverso che richiede un po' di attenzione e, superata una selletta, si guadagna la vetta del Monte Luvot m 1603 su cui è stata installata una grossa croce. Don Ravelli, nella sua "Guida dei Monti della Valsesia" lo chiama anche Sasso di Soliva o Baudrocco. Si prosegue lungo la dorsale, dapprima in leggera discesa, poi superando numerose gobbe fin sotto la punta del Terraggiolo. Poco prima termina l'itinerario n 726 del Passo della Sbarra. Volendo, si può raggiungere la vetta del Terraggiolo m 1656 senza difficoltà seguendo fedelmente la cresta. Si aggira sotto cresta, sul versante di Locarno, questa cima poco rilevata, fino a raggiungere la dorsale nei pressi della Sella della Balma m 1625. Alla Sella della Balma si diparte sulla destra l'itinerario verso le miniere della Balma e verso Locarno, itinerario n 729. Si segue invece la dorsale fino alle prime rocce del Gavala. Tralasciando le tracce che risalgono i canaloni erbosi del versante di Postua, si piega a destra e si costeggia con un traverso il versante di Locarno fino ad un'evidente spalla sopra le miniere. Si sale per tracce la dorsale in direzione della vetta (ovest); superando un canalino si raggiunge il primo testone e poi, superato il secondo testone sulla destra, si passa ad una sella dove arriva il sentiero che porta lungo la dorsale verso il Massale e la Res. Dalla sella, con un passaggio esposto, si raggiunge la vetta principale del m 1827, massima altezza del comune di Borgosesia.


Note:

L'itinerario completo è notevolmente lungo, ma può essere accorciato sia con partenza da Foresto, sia dalle strade interpoderali che salgono al Rifugio L.Gilodi. Si presta ad abbinamenti con gli altri sentieri che offrono la possibilità di interessanti varianti di diversa lunghezza.
Il sentiero è attualmente segnalato.


Consigli tecnici:


Fino al Colle della Rosetta non presenta difficoltà, più avanti è idoneo per escursionisti esperti (EE) e da effettuarsi con tempo sicuro e in stagione adeguata. Alcuni passaggi su prati ripidi e su rocce normalmente facili non sono da sottovalutare e sono al limite dell'alpinnismo. Si sconsiglia di percorrerlo nei mesi invernali o con terreno gelato.


Pubblicazioni:


Guida degli itinerari escursionistici della Valsesia - Foglio 6/B.
IGM Foglio 30 III NE Scopa - Foglio 30 II NO Varallo - Foglio 30 II SO Borgosesia.
Kompass Carta Varallo, Verbania, Lago d’Orta.
Guida dei Monti d'Italia CAI-TCI - Alpi Biellesi e Valsesiane.


Traccia GPS: sentiero_715_EVCA7150000.zip
clicca per scaricare il file, formato standard GPX per navigatori GPS


Traccia KMZ: sentiero_715_715.kmz
clicca per scaricare il file, formato KMZ



mappa cartinaCastello di Gavala (da Sud Est).

La mappa e le immagine fornite sono indicative.




Percorribile regolarmente
Tipologia: Escursionistico
Categoria: Prati, pascoli, tratti boschivi
Difficoltà: EE - Escursionisti Esperti
Periodo consigliato: Primavera-Estate-Autunno

Incrocia il sentiero: 724 - Crevola - Maddalene di Postua visualizza
Incrocia il sentiero: 716 - Monte Tovo (da Sud Est) visualizza
Incrocia il sentiero: 720 - Rifugio L.Gilodi (Ca' Meja) da Agnona visualizza
Incrocia il sentiero: 713 - Monte Tovo da Nord Est visualizza
Incrocia il sentiero: 726 - Sentiero della Scarpia visualizza

Altri incroci e collegamenti:


I sentieri nei collegamenti segnalati con uno o più # o * non sono ancora disponibili.


Ultimo rilievo sentiero effettuato il: 27-10-2010

< torna indietro
< torna alla pagina sentieri

> scegli una ZONA
> visualizza TUTTI i sentieri inseriti nel sito

Attenzione: Leggi le note e condizioni d'uso per i sentieri online. Verificate sempre l'apertura dei rifugi indicati sul tragitto e le condizioni meteorologiche.

Vai alle pagine >>


CAI