Sentieri e itinerari Valsesia - CAI


< torna indietro

 261B - 61B 
Canal Rossone


Alpe Goreto - Canal Rossone - Lago della Scarpia



Comune: Rassa



Codice catasto: 261B


Partenza: Alpe Goreto, a metri 1392
Arrivo: Lago della Scarpia a metri 2219



Stato del sentiero: Percorribile regolarmente
Tempo di percorrenza: 3 ore e 30 minuti
Dislivello: 1028 metri


Sentiero Canal Rossone


Lungo e caratteristico itinerario che permette di collegare la parte superiore della Val Gronda con l'alto bacino del Vallone di Sassolenda.

Per raggiungere l'Alpe Goreto, punto d'inizio del sentiero, da Rassa m 917 si deve seguire dapprima la strada, poi la mulattiera della Val Gronda lungo l'itinerario 261 (61) per circa 1 ora e mezza, con 375 m di dislivello oltre a quanto indicato.
Subito dopo l'Alpe Goreto m 1392, si imbocca sulla destra il sentiero che sale con difficoltà tra la vegetazione e porta all'Alpe Stuva m 1492; con una serie di zig-zag piuttosto ripidi fra arbusti e cespugli si perviene ai ripiani erbosi che conducono all'Alpe Campo m 1710 (ore 1). Questo primo tratto è scarsamente percorso ed il sentiero risulta difficoltoso e a tratti abbandonato. Un'alternativa più comoda che evita la prima parte di questo sentiero, piuttosto in cattivo stato, consiste nel seguire il 261 (61) fin nei pressi dell'Alpe Pian d'Ovago; a quota 1700 circa si devia a destra per il sentiero 261d (61d) che passando per il Punto d'Appoggio dell'Alpe Salei porta all'Alpe Campo, dove si riprende il 261b (61b).
Da questa alpe il sentiero si inerpica a monte delle casere, prima fra detriti di falda, poi intagliato nella parete rocciosa con comodi gradini, quindi attraversa un limitato ripiano erboso. Si superano le roccette soprastanti in cui è stato tagliato uno stretto ma facile passaggio e dopo aver risalito un ripido prato si guada il ruscello per giungere all'Alpe Cossarello m 2090 (ore 1.15-2.15). Subito dopo si lascia a sinistra l'itinerario 261c (61c) per il Passo della Rossa, si aggira verso destra, in alto, sui ripidi pascoli la conca del torrente poco prima attraversato ed in leggera salita si perviene al costone erboso su cui è ben visibile un grande ometto di pietre. Doppiato il costolone, si attraversa con alcuni saliscendi su susseguenti canali e dossi lo scosceso versante con una traccia scomoda ma evidente, si guada un ruscello e si raggiunge il cono di detrito sottostante il colle. In fondo al vallone si intravede l'Alpe Orpiano m 1837. Con brevi, ma ripidi tornanti ci si porta alla Bocchetta del Canal Rossone (Canarisùn) m 2420 (ore 1-3,15). Dal valico ampio panorama sul Monte Rosa e sulle creste circostanti; a destra si innalza la cresta che porta alla Punta Ventularo m 2494, a sinistra quella che sale all'anticima del Becco del Cossarello (o Palún) m 2665. Si scende per il versante opposto in un largo canale, fra massi e detriti, al Lago della Scarpia m 2277 (ore 0,15-3,30). Lo si costeggia e nei pressi dell'estuario ci si raccorda all'itinerario 262 (62) che percorre tutta la Val Sassolenda dalle frazioni di Rassa al Colle del Campo sul confine con la Valle Artogna.
Trattandosi di una traversata l'itinerario può essere percorso anche in senso contrario seguendo sempre da Rassa m 917 dapprima l'itinerario 261 quindi il 262 fino al Lago della Scarpia m 2277 (circa 3 ore e 45' con 1360 metri di dislivello.


Note:

Il dislivello in salita tra l'Alpe Goreto e la bocchetta di Canal Rossone (m 2420) è di m 1028. Da qui si deve scendere poi per 201 metri al Lago della Scarpia. A questi bisogna poi sommare i dislivelli per giungere (o tornare) a Rassa.
All'Alpe Salei è presente il Punto d'Appoggio del CAI Varallo, ove è possibile pernottare.
Il Punto d'Appoggio del CAI Varallo all'Alpe Salei, posto a 1701 m sull'itinerario 261d (61d), raccordo dei sentieri 261 (61) e 261b (61b), permette di spezzare i lunghi percorsi di traversata.
Il percorso è segnalato.
La segnaletica presente sui sentieri mantiene in parte i vecchi numeri (es. 61) non ancora aggiornati secondo il recente Catasto regionale che prevede la numerazione con tre cifre (es. 261, ecc).


Consigli tecnici:


L'itinerario non presenta vere e proprie difficoltà, ma nel tratto iniziale, in particolare, la vegetazione e l'esiguità della traccia rende difficoltosa la progressione, mentre nella parte alta si cammina su un tracciato impegnativo di alta montagna. Infine è da sconsigliare in presenza di neve o di ghiaccio.


Pubblicazioni:


Carta escursionistica VALSESIA CAI Varallo-Geo4map - quadro Sud-Ovest.
Guida degli itinerari escursionistici della Valsesia CAI Varallo Vol 2 cart 4.
IGM foglio 29 II NE Corno Bianco - foglio 30 Iii NO Campertogno.
IGC carta 9 Ivrea-Biella e dintorni. Guida dei Monti d’Italia - CAI-TCI – Alpi Biellesi e Valsesiane.


Traccia GPS: sentiero_261B_catasto_261B.zip
clicca per scaricare il file, formato standard GPX per navigatori GPS


Traccia KMZ: sentiero_261B_catasto_261B.kmz
clicca per scaricare il file, formato KMZ




Percorribile regolarmente
Tipologia: Escursionistico
Categoria: pascoli, pietraie
Difficoltà: EE - Escursionisti Esperti
Periodo consigliato: estate-autunno

Incrocia il sentiero: 261C - 61C - Passo della Rossa visualizza
Incrocia il sentiero: 261D-61D - Collegamento it.- 261-61 - Alpe Salei - Alpe Campo visualizza
Si collega con il sentiero:: 261-61 - Rassa - Colle del Laghetto visualizza
Si collega con il sentiero:: 262 - 62 - Colle del Campo
visualizza

Altri incroci e collegamenti:


I sentieri nei collegamenti segnalati con uno o più # o * non sono ancora disponibili.


Ultimo rilievo sentiero effettuato il: 20-08-2013

< torna indietro
< torna alla pagina sentieri

> scegli una ZONA
> visualizza TUTTI i sentieri inseriti nel sito

Attenzione: Leggi le note e condizioni d'uso per i sentieri online. Verificate sempre l'apertura dei rifugi indicati sul tragitto e le condizioni meteorologiche.

Vai alle pagine >>


CAI