Sentieri e itinerari Valsesia - CAI


< torna indietro

 261-61 
Rassa - Colle del Laghetto


L' intera Val Gronda con le sue frazioni e gli alpeggi



Comune: Rassa



Codice catasto: 261


Partenza: Rassa, a metri 917
Arrivo: Colle del Laghetto a metri 2535



Stato del sentiero: Percorribile regolarmente
Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 minuti
Dislivello: 1618 metri


Sentiero Rassa - Colle del Laghetto


Questo Ŕ il principale itinerario della Val Gronda in quanto la percorre interamente nella sua lunghezza e per la varietÓ dei paesaggi Ŕ assai interessante. Nel primo tratto la nuova strada (normalmente preclusa al traffico nel periodo estivo) giunge fino ai pressi del bivio per la Val Sassolenda. Successivamente una buona mulattiera attraversa frazioni ed alpeggi. Dall'Alpe Casere in poi il sentiero si fa pi¨ faticoso e dopo i laghi pi¨ incerto, anche se nel complesso non presenta difficoltÓ particolari.

Dal parcheggio di Rassa m 914, posto sul fianco del paese al di lÓ del torrente, superate alcune case, si segue la nuova carrozzabile che percorre il fondo della Val Gronda per un lungo tratto (vietata al traffico privato nel periodo estivo e sottoposta a limiti), supera il ponte in pietra sul torrente Gronda in localitÓ Pian Molino m 999, lascia quindi a destra le mulattiere per le frazioni Oro m 1070 e Ortigoso m 1045 e giunge nei pressi della cappella dei "Riveit" m 1120, da cui si stacca l'itinerario 262 (62) per la Val Sassolenda (ore 0,40). Si continua su di una buona mulattiera che valica il torrente Sassolenda su un ponte di ferro e poco dopo tocca le frazioni Rassetta m 1164 e Fontana m 1213. Si prosegue su un sentiero ben tracciato che lascia a monte Mezzanaccio e raggiunge l'Alpe Concrenno m 1280 (ore 0,30-1,10), da cui inizia l'itinerario 251a (51a). In leggera salita si passa per l'Alpe Goreto m 1392, punto d'inizio del sentiero 251b (51b), poi l'Alpe Straighe m 1480 e l'Alpe Casere m 1514 (ore 0,40-1,50) situata in una conca in cui la valle sembra interrompersi bruscamente per cedere il posto a scoscese pareti rocciose, detriti di falda e ripidi pascoli. Il sentiero sale verso destra, con pi¨ decisione, al fianco di una cascatella, entra in un valloncello, guada il Torrente Gronda, lascia a sinistra l'itinerario 265a (65a), e poco dopo a destra, a quota 1700 circa, l'imbocco del 261d (61d) che porta in breve al Punto d'appoggio dell'Alpe Salei m 1707, visibile poco sopra. Si attraversa il torrente e con un tratto sul cono detritico si giunge all'Alpe Piana d'Ovago m 1748 (ore 0,30-2,20), per poi inerpicarsi sul ripido costone che porta all'Alpe del Lago m 2061 (ore 0,50-3,10). Con una breve salita, lasciando a sinistra l'itinerario 265 (65) a quota m 2100 circa, si piega a destra obliquamente per arrivare al Lago della Seja m 2161 (ore 0,20-3,30), esteso e profondo specchio d'acqua. L'itinerario 261e (61e) per il Lago della Rossa, che si staccava nei pressi dell'emissario del lago, per le sue caratteristiche di pericolositÓ che non coincidono con gli intenti escursionistici, non Ŕ pi¨ segnalato, cosý come il 264 (64) che direttamente dalla sponda nord del lago risale il canalone che porta al Colle dell'Orto o Bocchetta degli Autei. Il nostro percorso sale con brevi tornanti al Laghetto m 2366 (ore 0,30-4,00), che contrariamente al nome ha una buona estensione, e con un ultimo faticoso strappo porta al Colle del Laghetto m 2539 (ore 0,30-4,30), da dove si scende nel Vallone del Maccagno ed in Val Vogna (Riva Valdobbia).


Note:

Questo itinerario si presta ad essere abbinato per traversate verso le vicine Valli Artogna e Gronda e verso la confluente valle Sassolenda. Il primo tratto Ŕ in parte condiviso con il "Sentiero dell'arte" di Rassa.
Il Punto d'Appoggio del CAI Varallo all'Alpe Salei, posto a 1701 m sull'itinerario 261d (61d), raccordo dei sentieri 260 (60) e 261b (61b), permette di spezzare i lunghi percorsi di traversata.
Il sentiero Ŕ attualmente segnalato.
La segnaletica presente sui sentieri mantiene in parte i vecchi numeri (es. 71) non ancora aggiornati secondo il recente Catasto regionale che prevede numeri con tre cifre (es. 271, ecc).


Consigli tecnici:


╚ un itinerario piuttosto lungo e faticoso se effettuato nella sua interezza. ╚ semplice da percorrere fino all'Alpe Piana d'Ovago, quindi diventa pi¨ ripido e faticoso anche se non presenta particolari difficoltÓ per un discreto escursionista.
Il tratto che dall'alpe del Lago porta al colle Ŕ scarsamente segnalato.


Pubblicazioni:


Guida degli itinerari escursionistici della Valsesia - Vol. 2░-Foglio 4.
IGC Carta 10 Ivrea Biella e dintorni.
IGM Foglio Issime 29 II SE, Campertogno 30 III NO.
Guida dei Monti d'Italia CAI-TCI - Alpi Biellesi e Valsesiane.


Link: http://www.caivarallo.it/rifugi_cai_varallo/punto_appoggio_alpe_salei.php
il collegamento si apre in una nuova finestra

Ulteriori dettagli del punto d' appoggio all' Alpe Salei


Traccia GPS: sentiero_261_catasto_261.zip
clicca per scaricare il file, formato standard GPX per navigatori GPS


Traccia KMZ: sentiero_261_catasto_261.kmz
clicca per scaricare il file, formato KMZ




Percorribile regolarmente
Tipologia: Escursionistico
Categoria: pascoli, pietraie
DifficoltÓ: E - Escursionisti
Periodo consigliato: estate-autunno

Incrocia il sentiero: 265 - 65 - Lago della Seia - Alpe del Prato attraverso il Passo della Gronda visualizza
Incrocia il sentiero: 265A-65a - Alpe Selletti - Passo della Gronda visualizza
Incrocia il sentiero: 63 non segnalato - Alpe Goreto - Alpe Ambrogiore visualizza
Incrocia il sentiero: 64 non segnalato - Bocchetta dell'Orto o degli Autei visualizza
Incrocia il sentiero: 261B - 61B - Canal Rossone visualizza
Si collega con il sentiero:: 205C 5C - Colle del Laghetto visualizza

Altri incroci e collegamenti:


I sentieri nei collegamenti segnalati con uno o pi¨ # non sono ancora disponibili.


Ultimo rilievo sentiero effettuato il: 05-10-2012

< torna indietro
< torna alla pagina sentieri

> scegli una ZONA
> visualizza TUTTI i sentieri inseriti nel sito

Attenzione: Leggi le note e condizioni d'uso per i sentieri online. Verificate sempre l'apertura dei rifugi indicati sul tragitto e le condizioni meteorologiche.

Vai alle pagine >>


CAI