Sentieri e itinerari Valsesia - CAI


< torna indietro

 761 
Valduggia - Maretti


Valduggia - Maretti



Comune: Valduggia



Codice catasto: 761


Partenza: Valduggia , a metri 392
Arrivo: Maretti a metri 737



Stato del sentiero: Percorribile regolarmente
Tempo di percorrenza: 1 ore e 30 minuti
Dislivello: 345 metri


Sentiero Valduggia - Maretti


È un itinerario che da Valduggia raggiunge alcune frazioni su poggi soleggiati e panoramici.

Dalla circonvallazione di Valduggia m 392 si imbocca la strada per Arlezze e subito dopo quella di Orbruncio. Attraversato il ponte, si lascia la carrozzabile e si prende a destra la mulattiera che fiancheggia il torrente. Inoltrandosi in una profonda forra, si supera un ponticello e si sale a tornanti. In breve si giunge alla cappelletta della Madonna delle Grazie e poco dopo a Raschetto m 525 (ore 0.20). Arrivati sul sagrato della chiesetta di S. Giacomo, si continua su sentiero, lasciando subito dopo il bivio per la frazione Orbruncio (491 m), raggiungibile in dieci minuti, la cui chiesetta dedicata a S. Giuseppe ha un curioso piccolo campanile a pianta triangolare. Si sale a tornanti nel bosco seguendo quasi sempre fedelmente la dorsale che si lascia nei pressi del rudere di un cascinale dove si prende il sentiero di destra che in piano conduce ad Arlezze m 628, dove si raggiunge la carrozzabile (ore 0.30-0.50) e si incontra il sentiero 732 con cui si continua con un buon tatto comune. Attraversata la carrozzabile, ci si addentra tra due muri lungo una strada asfaltata (la vecchia strada maestra) che con alcuni saliscendi attraversa il paese oltre la chiesa di S. Marco. Dopo un breve tratto di sentiero che solca una valletta su di un ponticello, ci si porta a Pelliccione (639 m) dove, nei pressi della chiesetta dedicata a S. Vincenzo, si abbandona l'itinerario 762 (per Rasco) per proseguire in piano sulla strada che subito diventa sterrata e poi si trasforma in mulattiera. Volgendo a destra si raggiunge in discesa il torrente, lo si risale guadandolo più volte, passando a fianco di un rudere con un tratto di percorso praticamente privo di sentiero. Si sale sulla riva sinistra, in zona Parco, e con un deciso strappo ci si alza fin sotto le case di Maretti, poi con una diagonale a destra si sbocca di fronte all'oratorio della Natività della Madonna (ore 0.40-1.30). A fianco della chiesa termina l'itinerario 773 che parte da Grignasco; lungo la sterrata corre il 765. La frazione di Maretti m 737, posta poco più in alto, conserva alcune case interessanti e gode di uno dei più celebrati panorami della bassa valle, sia sulla cerchia alpina sia sulla pianura.


Note:

Il sentiero è attualmente segnalato.


Consigli tecnici:


Il percorso non presenta difficoltà. Nel bosco tra Pelliccione e Maretti, nei pressi del torrente, il sentiero è incerto.


Pubblicazioni:


Carta escursionistica VALSESIA CAI Varallo-Geo4map - quadro Sud-Est.
Guida degli itinerari escursionistici della Valsesia - CAI Varallo - Carta 6c.
IGM Foglio 30 II SE Gozzano.
Carta-Guida itinerari escursionistici del Parco Naturale del Monte Fenera.
Kompass Carta Varallo, Verbania, Lago d’Orta.
Guida dei Monti d’Italia - CAI-TCI – Alpi Biellesi e Valsesiane.


Traccia GPS: sentiero_761_catasto_761.zip
clicca per scaricare il file, formato standard GPX per navigatori GPS


Traccia KMZ: sentiero_761_catasto_761.kmz
clicca per scaricare il file, formato KMZ




Percorribile regolarmente
Tipologia: Escursionistico
Categoria: Frazioni montane
Difficoltà: E - Escursionisti
Periodo consigliato: Tutto l' anno

Incrocia il sentiero: 762 - Cantone-Arlezze visualizza
Si collega con il sentiero:: 765 - Cremosina - Colma visualizza

Altri incroci e collegamenti:


I sentieri nei collegamenti segnalati con uno o più # o * non sono ancora disponibili. Il sentiero incontra inoltre il sentiero 773.


Ultimo rilievo sentiero effettuato il: 01-03-2015

< torna indietro
< torna alla pagina sentieri

> scegli una ZONA
> visualizza TUTTI i sentieri inseriti nel sito

Attenzione: Leggi le note e condizioni d'uso per i sentieri online. Verificate sempre l'apertura dei rifugi indicati sul tragitto e le condizioni meteorologiche.

Vai alle pagine >>


CAI