Sentieri e itinerari Valsesia - CAI


< torna indietro

 271-71 
Colle della Meia


La Valle Artogna



Comune: Campertogno



Codice catasto: 271


Partenza: Otra di Campertogno, a metri 872
Arrivo: Colle della Meia a metri 2649



Stato del sentiero: Percorribile regolarmente
Tempo di percorrenza: 5 ore e 45 minuti
Dislivello: 1777 metri


Sentiero Colle della Meia


L'itinerario attraversa tutta la Valle Artogna, una lunga valle laterale della Valsesia, dove la quiete soave che emanano i suoi laghetti e l'asprezza dei monti che la circondano danno all'escursionista particolari e piacevoli sensazioni. Don Ravelli definiva la Valle Artogna un paesaggio del Caucaso, una miniatura della Valsesia.

Dalla frazione Otra m 872 posta alla destra del fiume Sesia, località collegata con Campertogno m 827 da strada carrozzabile, ha inizio la mulattiera alla destra del torrente Artogna, mulattiera iniziata nel gennaio 1682, come attesta una lapide fissata alla roccia all'imbocco della valle.
II percorso che accosta la Cascata del Tinaccio ed il Passo Brutto, in seguito all'alluvione del 1978, è diventato disagevole, per cui è consigliabile la massima attenzione. In alternativa si può utilizzare un sentiero sostitutivo, il 271a (71a), che si stacca alla sinistra della mulattiera stessa poco dopo il suo inizio.
Da Otra la mulattiera entra in breve nella forra dell'Artogna superando il Passo Brutto con un traverso alto ed esposto sul torrente e lasciando in basso la cascata del Tinaccio. Passa in mezzo ad un folto bosco di faggi e abeti, tocca l'Alpe Cascine e quella diroccata della Giavinaccía m 1146, si porta subito dopo sulla sinistra idrografica del torrente a mezzo di un ponte, raggiunge il piano dell'alpe Campello e subito dopo l'Oratorio dedicato alla Madonna della Neve (ore 1).
La via sale gradualmente e accosta le alpi Rosé m 1265, Banchelle m 1365 e Canvaccia m 1544. Altri alpeggi della zona, Piana, Stella, Sasso Colombo, Pian Piccioli, sono sfiorati ma non toccati dalla mulattiera; oltre il torrente, ma raggiungibile solo quando il flusso d'acqua lo permette, è posta Casera di Sotto o Casera delle Margherite. Dopo Canvaccia il percorso prende quota, supera il tratto scavato nella roccia, si porta su terreno di magri pascoli e giavine, passa dalla "fontana dei preti", si lascia in basso a sinistra l'Alpe Casere di sopra m 1706 e sbocca sul pianoro dell' Alpe Campo m 1889 (ore 2-3). Da qui si dipartono verso sud i sentieri 274 per il Colle del Campo e 274a per la Punta Sivella. Tra le molte baite dell'alpeggio era stata eretta una chiesetta ormai quasi totalmente crollata.
Una baita è stata attrezzata dalla Sezione CAI di Varallo quale Punto di Appoggio per consentire all'escursionista di trascorrervi la notte e prepararsi la cena. È dotata di letti e coperte per 11 pernottamento e di alcune pentole. L'escursionista dovrà portare la legna per accendere il fuoco, mentre l'acqua si può attingere dal vicino torrente. Vi è pure un armadietto farmaceutico con materiale di pronto soccorso. II Punto di Appoggio serve per dimezzare il lungo percorso e facilitare le ascensioni ai valichi e alle cime della Valle Artogna. Infatti molti sono gli itinerari che si possono percorrere nella zona e alcuni di essi iniziano proprio dall'Alpe Campo, per cui detta struttura deve essere utilizzata unicamente dagli escursionisti.
Di qui il percorso principale riprende a salire mantenendosi sempre sulla sinistra del corso d'acqua, per portarsi sul pianoro dell'Alpe Erta m 2083, nei pressi di un fresca fontana. Alla destra ha inizio l'itinerario 71b.
Proseguendo in direzione sud-sud/ovest si tocca in pochi minuti l'Alpe Scanetti m 2129, e continuando verso sud e perviene nella conca dell' Alpe Giare m 2218, ultimo alpeggio della valle, posto su di un ripiano ricco di pozze d'acqua (ore 1-4).
Dall'alpe si stacca, alla destra del percorso, l'itinerario 75, mentre a sinistra, in una valletta creata da una ramificazione montuosa, non visibile dal sentiero, trova sede il Lago di Fondo m 2225.
Vinto un piccolo dislivello, l'itinerario giunge al Lago di Mezzo m 2279; qui il sentiero si biforca, la traccia che si dirige a sinistra, poco a valle del lago, con il segnavia 76, conduce al Passo della Rossa, mentre il percorso principale per un tratto costeggia il lago, poi supera un contrafforte e si porta nella conca della testata della valle, nella quale, alla quota 2424, vi è il Lago di Cima con il suo caratteristico isolotto (ore 0,45-4,45).
Si presenta ora, su scarsa traccia di sentiero, l'ultimo strappo per sbucare al Colle della Meia m 2649 che si intaglia tra il Monte Cossarello (o Berretta del Vescovo) m 2730 a sud-est ed il Monte della Meia m 2812 a nord-ovest (ore 1-5,45).
Divallando sull'altro versante si raggiunge l'Alpe Maccagno e si scende a Riva Valdobbia.


Note:

La parte alta del percorso è posta in un ambiente di completa wilderness. I tre laghi più importanti (di fondo, di mezzo e di cima) sono incastonati in un paesaggio alpino severo e fantastico allo stesso tempo.
La segnaletica presente sui sentieri mantiene in parte i vecchi numeri (es. 71) non ancora aggiornati secondo il recente Catasto regionale che prevede numeri con tre cifre (es. 271, ecc).


Consigli tecnici:


A causa della sua lunghezza (14 Km.) e per la presenza di alcuni tratti impegnativi il percorso è adatto ad escursionisti esperti ed è consiglibile completarlo in due tappe


Pubblicazioni:


Guida degli itinerari escursionistici della Valsesia - Vol. 2°-Foglio 4.
IGM Fogli 30 III N.O. Campertogno - 29 II N.E. Corno Bianco.
IGC Carta 10 Ivrea Biella e dintorni.
Guida dei Monti d'Italia CAI-TCI - Alpi Biellesi e Valsesiane.


Traccia GPS: EVCA2710000.zip
clicca per scaricare il file, formato standard GPX per navigatori GPS


Traccia KMZ: sentiero_71_EVCA2710000.kmz
clicca per scaricare il file, formato KMZ




Percorribile regolarmente
Tipologia: Escursionistico
Categoria: Prati, pascoli, tratti boschivi
Difficoltà: EE - Escursionisti Esperti
Periodo consigliato: Estivo

Incrocia il sentiero: 273-73 - Bocchetta d' Ea visualizza
Incrocia il sentiero: 274A - Punta Sivella o Ciciozza visualizza
Incrocia il sentiero: 275- 75 - Bocchetta del Cortese (o Fornetto) visualizza
Si collega con il sentiero:: 205d - 5d - Colle della Meia visualizza
Si collega con il sentiero:: 271A - 71a - variante al n. 271 in bassa Valle Artogna
visualizza

Altri incroci e collegamenti:


I sentieri nei collegamenti segnalati con uno o più # non sono ancora disponibili.


Ultimo rilievo sentiero effettuato il: 07-08-2012

< torna indietro
< torna alla pagina sentieri

> scegli una ZONA
> visualizza TUTTI i sentieri inseriti nel sito

Attenzione: Leggi le note e condizioni d'uso per i sentieri online. Verificate sempre l'apertura dei rifugi indicati sul tragitto e le condizioni meteorologiche.

Vai alle pagine >>


CAI