Resoconti gite alpinismo giovanile - leggi:


Stai visualizzando il resoconto selezionato.  < Torna indietro


escaigrignasco



Scritto da: ESCAI Grignasco, pubblicato il: 26-12-2011

Relativo alla gita: LUCI DI NATALE IN CENA AL BUIO  del 03-12-2011  

 

RELAZIONE ATTIVITA’ ALPINISMO GIOVANILE – ESCAI GRIGNASCO Anno 2011
Un rinnovato Grazie agli Accompagnatori di Alpinismo Giovanile che anche quest’anno hanno dedicato parte
del proprio tempo, con esperienza ed impegno, al Volontariato, nell’ESCAI Grignasco!
Uno speciale Grazie anche ai nostri Giovani apprendisti aiuto accompagnatori di AG per essersi messi in gioco
in nuove responsabilità nel Gruppo!
In sintonia con l’Anno Europeo del Volontariato 2011, l’Accompagnatore AG del Cai continua a fare la
differenza, sforzo iniziato nel 1973 e contribuisce tuttora a dare rilievo all’importanza del lavoro volontario.
E’ con questo spirito, sottolineato alla partenza delle attività AG proposte per l’anno 2011, che si riassume il
successo di un anno, di un viaggio nel Tempo, con il tema:
Lo Spirito della Pietra
Viaggi dentro la terra…e sopra!
Orogenesi alpina, giacimento minerario, estrazione e lavorazione
Radici storiche del presente – Identità di territorio - Segreti e ricchezze del sottosuolo.
Si è ripresentato la 2° edizione del Concorso AG di fotografia, di disegno e di scritto dal principale argomento
“La Pietra Amica” come una riflessione sulle opportunità ambientali ed economiche di un’importante risorsa
naturale, come un’indagine sulla pietra che da sempre ha accompagnato l’uomo nel suo percorso storico e come
un mezzo di comunicazione.
Si è conservato l’essenza delle collaudate finalità, nelle attività di Alpinismo Giovanile: Festa d’Apertura e di
Chiusura, Festa dei Compleanni, Incontro di Vetta, Incontro con il Grande Uno, Incontro di Gruppo e con altri
Gruppi, Incontro con se stessi con impressioni verbali, scritti e disegnati, Reportage fotografico, Speciali Percorsi
notturni, Lezioni teoriche/pratiche/ inerenti alle varie specifiche discipline tecniche, Educazione Ambientale,
Rispetto dell’Altro essere vivente, Scoperta consapevole dei propri cinque sensi, Imparo giocando e… dolci
momenti di crostate, di fresca auguriata e… tanto altro.
Si è partecipato all’impegno istituzionale del CAI con corsi di aggiornamento, convegni, congressi per i titolati di
Alpinismo Giovanile regionale e nazionale AAG/ANAG; ed a incontri con la Sottosezione Grignasco.
Si è organizzato accompagnamenti di un giorno, di una settimana e attività didattiche per gruppi di AG del Cai;
per Istituti Comprensivi di Fermo, di Gattinara, di Grignasco con Cavallirio e Boca con progetti di dopo-scuola:
Centro Incontro Ragazzi e Incontro con Madre Terra; per l’Associazione Internazionale di Ecopsicologia e per il
Servizio della Pubblica Assistenza R.S.E. di Grignasco.
Si è effettuata la promozione di AG nelle Scuole; preventivi sopralluoghi in ambiente per le attività da svolgere;
incontri preliminari con figure preposte per l’organizzazione delle varie attività, riunioni Cai…
Si è frequentato corsi di formazione di Educazione Ambientale.
26/27 febbraio L’avventura è iniziata con la mitica Ciaspolata dei due giorni nella vallata del Gran San
Bernardo a Saint Oyen, potenziata da attività formative di lettura dell'ambiente montano innevato con la peculiare
scoperta dei cristalli di neve e, dimostrazione pratiche di autosoccorso con utilizzo dell'artva, pala e sonda;
costruzione di igloo, stratigrafia della neve con gli istruttori neve valanghe di alpinismo giovanile in corrispondenza
con la giornata nazionale di sensibilizzazione e prevenzione degli incidenti da valanga "Sicuri con la neve”.
13 marzo Il proseguimento è sul Sentiero delle Anime, in Valchiusella alla scoperta delle Incisioni e Arte
rupestre, i petroglifi o graffiti con coppelle, cruciformi e antropomorfi. La giornata arricchita dalla visita al Centro
Minerario e agli antichi borghi, costruiti in pietra, di Traversella, è stata guidata dal dinamico Sindaco locale e dagli
Accompagnatori AG del Cai di Cuorgnè.
I Giacimenti di minerali del posto rappresentarono sin dal medioevo una risorsa economica importante per la
comunità locale. S’inizia così a respirare aria… di miniera, di galleria che si addentrano nelle viscere della
montagna.
10 aprile Preludio per l’emozionante mondo della Miniera di Vocca, per il ritrovamento di segni lasciati dai
minatori, quando la miniera era ancora attiva. Un profondo segno, è rimasto impresso anche nei cuori dei giovani,
data dalla narrazione delle dure condizioni di vita dei minatori, raccontata dal Gruppo Speleologico e Mineralogico
Valsesiano che ha accompagnato in tutta sicurezza il gruppo giovanile.
La storia della lavorazione ed escavazione dei minerali in Valsesia è molto antica e si perde nella notte dei tempi.
07 maggio La straordinaria visita al Museo privato di minerali, di cristalli e di fossili di Candelo, creato da
due appassionati ricercatori è l’espressione di passione, di pazienza nella raccolta, nella catalogazione di quantità
enormi di minerali di tutto il Pianeta.
Per “trovare” i cristalli, il giovane ha incominciato ad imparare a leggere le Rocce e a conoscere le varie
attrezzature: scalpelli da punta, da taglio, martello, palanchino, occhi...
22 maggio Con occhi incuriositi il viaggio è continuato immergendosi nel misterioso affascinante buio degli
ambienti sotterranei, nella Grotta dò Buio nel Finalese, superando cunicoli, gallerie, pozzi, acqua.
Insieme all’attento Gruppo Speleologico del Cai di Savona si è ammirato spettacolari stalattiti e stalagmiti tenendo
doveroso comportamento corretto in grotta: non asportando né rovinando concrezioni, rispettando la fauna
ipogea… e poi tutti al mare!
13 giugno Al fiume per l’irresistibile Rafting, divertente sport di gruppo, per provare l’emozione di una discesa
fluviale sotto la vigile guida degli istruttori della Scuola di Canoa Rafting.
Instancabili compagni di viaggio sono stati gli straordinari viaggiatori del tempo: i ciottoli del Sesia , sintesi di una
lunga storia geologica della catena alpina. Il giovane dopo aver scelto il ciottolo idoneo, con colori, pennelli,
osservazione e fantasia, ecco che lo trasforma in meraviglioso fiore, colorato insetto, gioioso amuleto…ed il
ciottolo assume una nuova realtà!
16/17 luglio Il viaggio continua nel cuore della montagna e dell’arte nell’Antica Cava di Marmo di
Ornavasso, un complesso storicoarcheologico e naturalistico di straordinario interesse.
E’ stata un’occasione apprendere, dalla guida naturalistica del centro, le tecniche di escavazione, trasporto e
lavorazione, vedendo da vicino l’arguzia del lavoro dell’uomo e la maestosità della natura. …e le leggende del
TWERGI, gli gnomi delle montagne!
L’avventura è proseguita davanti agli spettacolari Orridi di Uriezzo e le marmitte dei giganti, profonde incisioni
in roccia scavate da energiche cascate nella Valle Antigorio. L'azione erosiva si è spinta a tal punto da oltrepassare
le rocce (micascisti a granato) ed incidere, mettendola in luce, la roccia sottostante (gneiss granitoide) del
cosiddetto “elemento 0”, l'elemento tettonico più profondo conosciuto dell'intero edificio alpino.
Meritata è stata la sosta al Rifugio Città di Busto al Piano dei Camosci in Alta Val Formazza in confine Svizzero.
18 settembre In sicurezza e sotto la vigile guida degli istruttori della Scuola di Alpinismo della Sezione Cai di
Mosso è continuato l’impegno nell’insegnamento, nella ricerca dei valori dell’Arrampicare.
Il gioco-arrampicata diventa quindi occasione per conoscere la propria dimensione in un equilibrato rapporto con la
natura, con gli altri e con se stessi.
Si è condivisa l’esperienza nell’Incontro Intersezionale AG con il gruppo AG di Mosso.
L’evento si è svolto nella palestra indoor di arrampicata nel Palazzetto dello Sport di Mosso, anziché alla Rocca
dell’Argimonia nell’Oasi Zegna… causa la pioggia.
Valorizzanti i momenti d’interscambio intercorsi fra i giovani e gli accompagnatori!
16 ottobre Con la Traversata ad anello delle colline di Cavalirio e Boca, sviluppata nella Giornata
Nazionale dell’Ambiente, è proseguita la collaborazione con l’amministrazione Comunale di Cavallirio, instaurata
l’anno precedente con due percorsi storici alla scoperta del territorio Cavallirio, della Torre, delle Meridiane e dei
Casotti.
Si sono ammirati siti da ricordare, da studiare, da tutelare per la conoscenza del passato più antico… un masso
crocesegnato, testimonianza rappresentante il limite di un lazzaretto per i malati di peste; rovine di una Torre di
avvistamento di epoca alto medioevale; resti di un muro pre-esistente con ciottoli del Sesia disposti a lisca di pesce;
una roccia di porfido che, in epoca pre-cristiana, si pensava avesse poteri terapeutici, situata in un Monumento nei
boschi risalente al 1600!
Le conoscenze sono state trasmesse eccellentemente dalla grande archeologa Oliviera Calderini, presidente del
Parco Naturale del Monte Fenera.
06 novembre La tradizionale Castagnata, in coerenza al filo conduttore, sarà concretata vicino all’insediamento
del Giardino delle Grotte di Ara, alle falde del Monte Fenera tra rocce incise ed acque salutifere, nel Parco delle
Feste delle Associazioni locali.
L’opera d’insegnamento sarà sempre ampliamente esposta dalla dott.ssa Calderini.
Le Grotte di Ara rappresentano il relitto di un antico sistema carsico la cui origine risale al Triassico (190 milioni di
anni fa). Tra le formazioni è spettacolare il grande arco naturale in dolomia di oltre 8 metri di altezza!
Dopo la ricerca delle castagne…in “chi le ha viste”… nei boschi di Grignasco e di Ara, in allegra compagnia le
castagne saranno gustate in profumatissime caldarroste!
03 dicembre La Cena al buio, speciale momento conviviale, ultima il lungo percorso compiuto nell’anno.
Grazie alla disponibilità dei Parroci di Grignasco, di Gianpietro e di Perry, sarà realizzata nel salone dell’Oratorio
di S. Giustino di Grignasco.
Al Giovane sarà offerta l’opportunità di vivere l’emozione di assaporare il buio, per scoprire la forza dei sensi… di
sentire nel silenzio, di vedere oltre il buio… nel buio molti significati… per conoscere "da dentro" il mondo di chi
la luce non la vede mai. Capire. Conoscere. Provare.
Un’esperienza che sarà meravigliosamente gestita dai formidabili Amici non vedenti di Bergamo!
L’ESCAI Grignasco con il riepilogo in video di un anno di attività AG e con bellissimi cristallini premi, brinderà
al prezioso anno 2011 & ad un promettente anno 2012 di Alpinismo Giovanile!
Il prossimo tema conduttore AG avrà il titolo di: “Mondi vicini e Sguardi l o n t a n i”.
Le pietre, sono creature vive, con cui si comunica, ci si scambia informazioni, stima, rispetto. Devono essere
tenute nella giusta considerazione, poiché sono forme di vita incredibilmente intelligenti incapsulate in un corpo
non umano, esseri con cui dialogare e meditare.
Un prezioso Grazie alle collaborazioni di Organismi Cai, di Enti Pubblici e Privati, di Persone Volontarie: Cai di
Grignasco, di Mosso con i Gruppi AG e Alpinismo; Gruppo AG di Cuorgnè; Cai AG di Fermo; Sindaco di
Traversella; Gruppo Speleologico e Mineralogico Valsesiano; sigg. Zanetti di Candelo; Gruppo Speleologico del
Cai di Savona; staff della Scuola Canoa Rafting Monrosa; guida naturalistica dell’antica Cava di Ornavasso;
gestore del rifugio Città di Busto del Cai; Sindaco e Consiglieri Comunali di Cavallirio; Archeologa Calderini della
Regione Piemonte; Parroco e Vice Parroco della Parrocchia di Grignasco; Associazioni RSE, Patacioi e Comitato
Carnevale di Grignasco, al cuoco Gianpietro, a Perry e dulcis in fundo agli ineguagliabili amici Daniela e Michele!
Accompagnatore Nazionale di Alpinismo Giovanile
Gabriella Patriarca




Inserito il 2011-12-26 18:57:40
Questo testo è stato pubblicato dall'utente: ESCAI Grignasco


Sono disponibili fotografie di questo evento nella scheda gita!> vai alla scheda di questa gita

< Torna indietro

< Torna all'elenco dei resoconti gite

CAI